Clamorosa vittoria in trasferta della Serie C !

Una trasferta sulla carta proibitiva. Si è giocato in casa di una squadra imbattuta e considerata tra le più forti del campionato, con il monregalese Conti (22 punti alle fine) in veste di primo violino; i coach Arese e Blengini hanno però preparato bene il match, ed i ragazzi sono scesi in campo senza timori, addirittura dominando, a tratti, il primo quarto.

Arrivano da Dedaj e Bruschetta i primi punti, con Giordano a servire assist. Fino al più otto, quanto il CUS sfrutta la fisicità dei suoi giocatori, spesso al limite del fallo, per rientrare in partita: 19-19 sulla sirena. Il secondo quarto è all’insegna dell’equilibrio, l’organizzazione difensiva delle due squadre, come quella dell’attacco, si equivalgono. I fischi arbitrali continuano a favorire il CUS, ma gli ospiti hanno il merito di non innervosirsi, e restare in un match dalla continua alternanza di punteggio. Giordano realizza a pochi secondi dall’intervallo, ed il tabellone riporta 33-33. Al rientro in campo il CUS dà la sensazione di poter allungare e mette a segno un parziale di 7-0, complici un paio di falli in attacco ed altrettanti canestri facili sbagliati dai bianco blu. A quel punto, però, sono i galli a prendere il sopravvento, grazie ad una difesa intensa ad ai canestri di Somà, Dedaj e Camperi. Nuovamente sopra, 47-46, alla fine del terzo periodo. Nell’ultimo quarto Cuneo passa a difendere a zona, l’attacco del CUS si inceppa, il solo Conti trova con continuità il canestro, ed un gioco da tre punti di Camperi, seguito dalle bombe di Giordano e Dedaj, mantengono gli ospiti in vantaggio. Pur non sfruttando appieno alcuni rimbalzi offensivi il CUS segna due volte da tre punti e si porta avanti, 61-60; viene ricacciato indietro da un’altra tripla di Somà (la nona della serata per gli ospiti), ma ancora Conti pareggia. Ultimo minuto: Cuneo sviluppa lentamente un attacco statico, poi il pallone arriva a Somà, che pur raddoppiato tira dai 4 metri. Solo rete, allo scadere dei 24 secondi. A questo punto coach Arese, sopra di due punti a 3 secondi dalla fine, sceglie di difendere invece che ricorrere al fallo sistematico. L’azione dei padroni di casa si chiude in modo confuso, con Baudino che recupera il pallone sotto canestro e Dedaj che subisce fallo e converte un libero per il +3. L’ultimo disperato tiro del CUS non ha esito.

Prossima partita interna con Pinerolo, che arriverà a Mondovì dopo due sconfitte ed un turno di riposo: sarà fondamentale non approcciare da favoriti il prossimo match, cercando di dare continuità al bel momento ed alla crescita del gruppo!

Leave a Reply